L'Australia registra il giorno più caldo di sempre - un giorno dopo il record precedente

Intanto i volontari curano i koala ustionati

21 Dec 2019 - XR Italia
Notizie



L'Australia ha registrato il giorno più caldo di sempre mercoledì 18 dicembre, con una temperatura massima media di 41,9° C, battendo di 1° C il record precedente che era stato stabilito solo 24 ore prima. Le cause sono da ricercarsi nel surriscaldamento globale. Questa è anche una delle cause degli incendi che stanno distruggendo l’habitat del koala nel Nuovo Galles del Sud, dove i volontari si stanno impegnando per salvare i marsupiali e le altre specie divorate dal fuoco.


In copertina: Incendio boschivo nell’Australia Sud orientale. Photo by Quarrie Photography | Jeff Walsh | Cass Hodge (CC BY-NC-ND 2.0)

post-picture

Due record negativi di fila per l’Australia flagellata dagli incendi: martedì 17 dicembre era stata registrata una media di 40,9° C in tutto il continente, battendo il precedente record di 40,3° C, ma questa temperatura è rimasta imbattuta solo per sole 24 ore. Mercoledì 18 è stato ancora più caldo in tutto il paese, con la massima temperatura raggiunta a Birdsville, nell’Australia meridionale, che ha toccato 47.7°C.

post-picture

Per calcolare il massimo medio, il Bureau of Meteorology (Ufficio del governo australiano dedicato alla meteorologia)[1] rileva le temperature massime registrate in circa 700 posizioni sul continente, le inserisce in una griglia, calcola una media e quindi effettua un controllo incrociato rispetto al suo record, con un controllo di qualità a lungo termine.

Ma perché l’Australia è così calda?

Il dott. Karl Braganza, responsabile del monitoraggio del clima presso l’Ufficio Metereologico australiano, ha dichiarato: “La variabilità naturale e il riscaldamento globale stanno spingendo nella stessa direzione. Ecco perché abbiamo battuto record.”

Non è un fenomeno “solo naturale”

Il dott. Andrew Watkins, capo delle previsioni a lungo termine presso l’ufficio, ha identificato tre fattori chiave che hanno spinto le temperature a livelli record: due naturali e uno no.

Il primo è il Dipolo nell’Oceano Indiano: “esso ha mantenuto le coste molto asciutte in inverno e in primavera”, ha detto Watkins. “Questo rende l’ambiente estremamente secco”. Un secondo fattore di traino naturale, ha detto Watkins, è stata una fase negativa della modalità anulare meridionale che è stata avviata dal riscaldamento dell’atmosfera sopra l’Antartide. Gli eventi di questo tipo di solito durano solo poche settimane, ma Watkins ha affermato che questo evento era presente da ottobre.

“Tutto ciò sta portando a una vera e propria cottura dell’Australia centrale”, ha detto. “Non c’è niente lì che possa favorire l’evaporazione per raffreddare l’aria.” Alla base di entrambi questi fattori trainanti del caldo record c’è il fattore umano: si tratta del cambiamento climatico, la “semplice” conseguenza fisica del caricare l’atmosfera con gas serra extra, principalmente bruciando combustibili fossili. L’ultimo rapporto australiano sullo stato del clima mostra che il Paese si è riscaldato di poco più di 1° C dal 1910, portando a eventi meteo sempre più estremi. Watkins ha dichiarato: “Questo riscaldamento a lungo termine vede il punto di partenza a +1°C rispetto al passato, in tal modo è molto più facile ottenere condizioni estreme ora rispetto a 50 o 100 anni fa”, “Una parte di me dice che è incredibile, ma un’altra dice che l’abbiamo visto in altre parti del mondo, quindi non siamo particolarmente sorpresi”. Come riferimento ha indicato l’ondata di calore della Francia di giugno 2019, quando Montpellier ha toccato i 43,5° C, battendo il suo record di calore di tutti i tempi, precedente stabilito nell’agosto 2017, di un enorme +5,8° C.

La dott.ssa Sarah Perkins-Kirkpatrick, una climatologa presso l’Università del Nuovo Galles del Sud specializzata in eventi estremi, giovedì stava guidando attraverso la fitta foschia di fumo proveniente dagli incendi boschivi, a nord-ovest di Sydney, con la sua famiglia. Ha detto: “È spaventoso e frustrante, ma questo è ciò che gli scienziati del clima hanno previsto da decenni, mi sto limitando a ripetere te l’avevo detto, ma non credo che qualcuno voglia davvero ascoltare.”

I volontari che salvano la fauna selvatica ferita Gli incendi senza precedenti che stanno devastando le coste dell’Australia hanno costretto i soccorritori a lavorare freneticamente per curare e ospitare le innumerevoli creature rimaste intrappolate nel fuoco.

post-picture

Kristie Newton lavora come responsabile della campagna per il Wildlife Information, Rescue and Education Service (Wires), un’organizzazione che, in tempi normali, si prende cura di decine di migliaia di animali feriti o in difficoltà ogni anno. Ma questi non sono tempi normali.

“Al momento siamo completamente inondati”, afferma. “Questo è il più grande evento che abbiamo mai affrontato.”

La flora e la fauna australiane si sono evolute per convivere con il fuoco, ma non con incendi di tale intensità.
Vickii Lett, di Clarence Valley una veterana di Wires dal 1988, non ha mai sperimentato incendi di tale ferocia, che colpissero un’area così vasta. “Questo è causato dall’uomo; siamo stati noi a causarlo”, dice. Allo stesso tempo, si preoccupa che la crisi immediata possa mascherare la più ampia emergenza della fauna selvatica, la devastazione quotidiana della deforestazione e del disboscamento.

“Quando sei un operatore della fauna selvatica, abbastanza presto ti rendi conto che potresti essere in grado di curare gli animali, ma devi avere un posto dove rilasciarli. Non sono animali domestici, e quando li rilascio, mi preoccupo per ognuno di loro. Devono avere una casa e una scorta di cibo”.

All’ospedale dei Koala “Port Macquarie”, molti volontari avvertono questa stessa tensione. La struttura vanta 14 unità di terapia intensiva e può ospitare fino a 50 animali. La presidente dell’ospedale Sue Ashton, dopo i recenti incendi, teme per il futuro a lungo termine dell’iconico marsupiale.

In luoghi come la riserva naturale del Lago Innes, quasi due terzi dei koala selvatici sembrano essere morti, inceneriti dal calore sorprendente. Quelli che sono sopravvissuti furono disidratati; molti si erano bruciati su zampe, naso e bocca. post-picture

Molti dei 150 volontari del centro arrivano ad aiutare quotidianamente, e la loro stanchezza fisica aggrava il peso di guardare gli animali soffrire. Dopo tutto, le ustioni sono notoriamente difficili da curare. Diversi koala feriti, incluso quello diventato famoso nel video di una donna che lo salva a Long Flat, hanno dovuto essere sottoposti a eutanasia.

Nicole Blums, del Rescue Collective di Brisbane, sa quanto può essere sconvolgente il volontariato nella fauna selvatica. “Lavorando nel soccorso, vedi molte cose brutte e puoi iniziare a odiare la razza umana”, dice Blums. “Ma ogni volta che iniziamo a pensare che sia troppo, troppo pesante per i nostri cuori, apriamo una scatola e troviamo una lettera di uno dei nostri sostenitori o un disegno di uno dei bambini.” La sua voce trema leggermente. “Questo ci dà la forza di sapere che stiamo facendo la differenza e che abbiamo così tanto sostegno alle nostre spalle ora che non possiamo fermarci.”[2]

post-picture Credits: photos Port Macquaire Koala Hospital

Articolo tradotto ed editato dai seguenti pezzi:

https://www.theguardian.com/australia-news/2019/dec/19/419c-australia-records-hottest-ever-day-one-day-after-previous-record

https://www.theguardian.com/environment/2019/dec/04/i-worry-about-every-one-of-them-the-volunteers-who-rescue-injured-wildlife


[1] http://www.bom.gov.au/

[2] https://www.wires.org.au/wildlife-info/wildlife-factsheets/bushfire-factsheet
https://www.gofundme.com/f/help-thirsty-koalas-devastated-by-recent-fires - questo fundraising ha raccolto due milioni di dollari per l’ospedale di Port Macquaire, per costruire stazioni automatiche di abbeveramento e per stabilire aree protette per la riabilitazione e la riproduzione dei koala.


Ultimi Articoli
  • Nella lotta nonviolenta e nella disobbedienza civile vince l’ostinazione
    Fiorella Carollo • 04 Apr 2020
  • Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?
    XR Italia • 01 Apr 2020
  • Picco per Capre
    di Luca Pardi e Jacopo Simonetta • 28 Mar 2020
  • Tutti i post...

    categorie
    Formazione
  • Learning Rebellion
    Daniele e Camilla • 13 Jun 2019

  • Ribellione Internazionale
  • Settimana della Ribellione
    XR Italia • 16 Sep 2019
  • Crowdfunding: Sostieni la Ribellione!
    XR Italia • 13 Sep 2019

  • Notizie
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Extinction Rebellion plaude alla capacità della comunità internazionale di agire con urgenza
    XR Italia • 16 Mar 2020
  • Perché non trattiamo la crisi climatica con la stessa urgenza del Coronavirus ?
    Owen Jones, The Guardian • 09 Mar 2020
  • Le donne nel mondo denunciano l'impatto sproporzionato del cambiamento climatico sulle donne
    XR Italia • 07 Mar 2020
  • Se lo stato non ci protegge, facciamo causa allo stato!
    di Carolina Pozzo • 05 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • E se questo fosse il punto di svolta?
    XR Italia • 28 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Non c’è Carnevale in fondo al mare
    XR Italia • 19 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Come boicottare il settore tessile in poche semplici mosse
    XR Italia • 15 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Workshop di design collaborativo
    XR Italia • 07 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • Lettere d'amore a madre Terra
    XR Families Italia • 30 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • L'Australia registra il giorno più caldo di sempre - un giorno dopo il record precedente
    XR Italia • 21 Dec 2019
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Con l’aumento delle temperature, lo strato di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico sta scendendo a livelli 'allarmanti'
    Ian Sample, editore scientifico del The Guardian, trad. XR Italia • 17 Dec 2019
  • Restare uniti e rilanciare la ribellione: alla fine di COP25 parte la consultazione sulle Richieste globali di XR
    XR Italia • 14 Dec 2019
  • Guterres: gli impegni di Parigi non bastano, vanno aumentati di 5 volte
    XR Italia • 12 Dec 2019
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • I colloqui della COP25 sul clima non riescono a far fronte all'urgenza della crisi
    Fiona Harvey - Madrid, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Un appello dai genitori alla COP25
    XR Families Italia • 09 Dec 2019
  • Con FFF e Earth Strike per dire no alla Fast Fashion
    XR Lucca Pisa Livorno • 08 Dec 2019
  • Storica marcia per il clima: mezzo milione di persone in strada a Madrid
    XR Italia • 07 Dec 2019
  • Ultimatum per l'umanità: il tempo è quasi scaduto
    XR Italia • 06 Dec 2019
  • #UltimatumCOP25: Extinction Rebellion c’è
    XR Italia • 01 Dec 2019
  • La fame di essere ascoltati
    XR Milano • 30 Nov 2019
  • Cavalcata Ribelle 9 Novembre 2019
    Leonardo (XR Milano) • 10 Nov 2019
  • Corridoio umano contro la deforestazione
    XR Piemonte • 29 Oct 2019
  • XR Italia a fianco di chi evidenzia le responsabilità dell’industria della moda
    XR Italia • 28 Oct 2019
  • Più di cento personaggi del mondo dello spettacolo firmano una lettera aperta ai media per spalleggiare Extinction Rebellion
    XR Italia • 20 Oct 2019

  • XR Magazine
  • Nella lotta nonviolenta e nella disobbedienza civile vince l’ostinazione
    Fiorella Carollo • 04 Apr 2020
  • Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?
    XR Italia • 01 Apr 2020
  • Picco per Capre
    di Luca Pardi e Jacopo Simonetta • 28 Mar 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020
  • Non c'è alternativa a Facebook? Vi presentiamo i social ribelli
    XR Italia • 12 Mar 2020
  • E se smettessimo di fingere?
    Jonathan Franzen • 11 Mar 2020
  • Guarire la Terra guarendo noi stessi
    di Kaira Jewel Lingo • 04 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • REWILDING: una soluzione basata sulla natura
    A cura del Gruppo Nazionale Scientifico di XR Italia • 01 Feb 2020
  • “È una crisi, non un cambiamento”: le parole e le immagini per Dire la Verità
    XR Italia • 28 Jan 2020
  • Nel 2030 abbiamo posto fine all'emergenza climatica! Ecco come
    E. Holthaus, tradotto da XR Italia • 24 Jan 2020
  • I limiti alla crescita
    XR Italia • 21 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • La maledizione del marmo apuano
    Jacopo Simonetta • 09 Jan 2020
  • Il 2020 può essere l’anno in cui ricarichiamo noi stessi (e la natura)
    XR Italia • 09 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • Carola Rackete, Il mondo che vogliamo. Appello all’ultima generazione, Milano, 2019, Garzanti.
    XR Italia • 03 Jan 2020
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019
  • “Dichiarazione di emergenza climatica”: l’importanza di salvaguardare la biosfera e i servizi ecosistemici
    Jacopo Simonetta • 03 Dec 2019

  • Azioni
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Extinction Rebellion Italia blocca il ponte dell’Accademia
    XR Italia • 23 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Extinction Rebellion in azione a piazzale Flaminio nel giorno di San Valentino
    XR Italia • 14 Feb 2020
  • Cambiamo disco!
    XR Italia • 08 Feb 2020
  • L'Australia è in fiamme! Sit-in di Extinction Rebellion in piazza della Repubblica a Firenze
    XR Italia • 17 Jan 2020
  • Una trappola di fuoco davanti all’ambasciata australiana di Roma
    XR Italia • 15 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Ultimatum alla Regione Piemonte
    XR Piemonte • 18 Dec 2019
  • Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR
    XR Italia • 15 Dec 2019
  • Due sub in pieno centro a Genova
    XR Genova • 11 Dec 2019
  • Sciopero Globale del 29 Novembre: arte e cortei a Torino
    XR Piemonte • 05 Dec 2019

  • Dicono di noi
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019

  • XR Families
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020