Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?

01 Apr 2020 - XR Italia
XR Magazine Società



Foto ricevuta da FFF Italy, operatori sanitari del Policlinico di Bari hanno approfittato di un istante di pausa per partecipare al#DigitalStrike.

Questo è un momento che sta cambiando il mondo. Man mano che il coronavirus si impadronisce delle nostre vite quotidiane, il modo in cui ci organizziamo e ci sosteniamo cambierà. Stiamo perdendo molto di ciò a cui teniamo. Il coronavirus ci ha mostrato quanto sia fragile il nostro sistema, ma anche quanto velocemente possiamo adattarci a una catastrofe. Questo è un momento in cui dobbiamo ricordare che ci ribelliamo per un mondo prospero e giusto di culture rigenerative che possono superare le crisi, promuovere la cooperazione e l’occuparsi uno dell’altro su scala globale. Non è certo il momento di rilanciare il “business as usual” e i progetti speculativi che sono alla radice della crisi che stiamo vivendo. Molti di noi sono isolati a casa, spaventati e confusi, ma non bisogna sentirsi impotenti. Cogliamo l’occasione per riflettere, ed unirci a un movimento in rapida crescita per prevenire la prossima crisi, e magari disinvestire i nostri soldi da progetti speculativi, fonti fossili e armamenti.

La pandemia di Covid19 non ha messo in pausa la nostra richiesta di giustizia climatica e sociale e protezione degli ecosistemi. Questo è un momento cruciale per l’intera umanità. Quando ci sono shock nella società, è noto che i governi - mossi da interessi e da lobby -usano le emergenze per fare cambiamenti tossici ed erodere la democrazia. Non possiamo permettere ai pochi privilegiati di usare questa pandemia come un’opportunità per continuare a inquinare ed incassare, insabbiare le cattive notizie, finanziare le industrie che sono determinanti nell’acuire la crisi climatica ed ecologica ed esasperare le disuguaglianze esistenti. C’è troppo in ballo. È tempo di essere audaci e mantenere una visione rigenerativa più grande del cambiamento, e di continuare a chiedere che, per immaginare delle soluzioni cruciali per il futuro delle popolazioni e dell’umanità, siano costituite delle assemblee cittadine che guidino le decisioni dei governi.

In questo momento, la gravità della pandemia non ci distoglie affatto dai nostri obiettivi, anzi ci è chiaro come la crisi ecologica sia strettamente legata anche al dramma che stiamo vivendo. Tutti i dati confermano che è proprio il nostro sistema globale di sfruttamento indiscriminato delle risorse a creare le condizioni che favoriscono il salto di specie di nuovi virus infettivi (in gergo tecnico spillover) e per la loro diffusione a livello globale. Ne abbiamo parlato su XR Magazine in questo articolo. Soffermiamoci sulla quarta delle considerazioni finali: non tutto è perduto! Perché se una sola settimana di relativa quiete è stata sufficiente per rendere l’aria respirabile, l’acqua di limpida, il cielo stellato visibile, significa che abbiamo speranza di sostenere il recupero della biosfera cambiando il nostro modello di sviluppo. Anzi, cambiando il significato della stessa parola “sviluppo”, passando a un sistema rigenerativo. Questo è il momento in cui apportare le modifiche necessarie e urgenti per rispondere alle crisi globali che si intersecano - finanziarie, sanitarie, climatiche ed ecologiche - creando un mondo in cui la vita può prosperare. Possiamo co-creare diverse culture rigenerative ovunque e attraverso ciò l’umanità potrebbe smettere di avere un impatto degenerativo e di sfruttamento sulla Terra e iniziare ad avere un impatto rigenerativo e curativo.

Pare che anche le grandi organizzazioni internazionali stiano iniziando a dare segnali in tale direzione: secondo Isabelle Durant, vice-segretaria generale della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD), lo shock causato dal Covid-19 non è e non rimarrà un caso isolato; sostiene che “dobbiamo riconoscere di dover mettere in discussione l’attuale modello di business; “Business as usual” non è più un’opzione praticabile; dobbiamo favorire un modello di business aperto più diversificato in termini di produzione e con catene del valore più corte, che devono consentire un migliore monitoraggio del rispetto degli standard sociali, sanitari e ambientali”. Significa ristabilire a tutti i livelli, dal nazionale al globale, un equilibrio complessivo tra commercio e giustizia sociale e climatica.

Anche la Harvard Business Review ha evidenziato come la pandemia di coronavirus abbia messo in luce la vulnerabilità delle catene globali di produzione e distribuzione, altamente dannose per l’ambiente e non sostenibili per le comunità locali in tempi di crisi.

post-picture

Ma dopo questa crisi, verrà rilanciato il “business as usual”?

Alcuni analisti, come Marìa Mendiluce, CEO del “We Mean Business Coalition, che lavora con le più influenti compagnie di investimento globali, ritengono che lentamente la crisi economica si trasformerà in uno stimolo a lungo termine per gli Stati mondiali, che si focalizzeranno sul ridare linfa vitale alle loro economie.

È responsabilità di tutti quella di sfruttare al meglio questo momento per costruire maggiore resilienza e fronteggiare la più grande minaccia alla nostra esistenza, ossia la crisi climatica ed il collasso degli ecosistemi. Sono evidenti i segnali con cui le lobby industriali premono per abbandonare il (già lacunoso) “Green New Deal” europeo e muoversi verso piani di investimento nazionale di stampo tradizionale. In Italia, infrastrutture e grandi opere a carico della spesa pubblica sono in cima all’agenda di Boccia, leader di Confindustria, mentre in Gran Bretagna si sta continuando, nonostante la pandemia, a costruire la HS2, una delle infrastrutture più dispendiose e distruttive per l’ambiente mai viste.

Di tutt’altro avviso la rete Euractiv, che riportando le parole di Mendiluce, sostiene che per stimolare l’economia “i governi debbano mettere la resilienza climatica al centro delle future strategie economiche, ed evitare così di ritrovarci nella stessa situazione quando la prossima epidemia o crisi globale ci colpirà”. Si tratta di imprimere una svolta decisiva verso un futuro in cui l’essere umano si impegni a ripristinare gli ecosistemi ovunque per ridurre drasticamente i tassi di estinzione delle specie, invertire le tendenze del riscaldamento globale e smettere di minacciare la vita sul Pianeta e la salute delle nostre comunità.

post-picture

La Comunità Europea sembrava sostenere questa linea, dal momento che ad inizio mese aveva proposto la “European Climate Law” ad integrazione della legislazione esistente. Essa promuove, sulla carta, la climate neutrality e ne impone la realizzazione entro il 2050 (data che noi attivisti, con il sostegno di solidi dati scientifici, riteniamo comunque estremamente tardiva).

La BEI, la Banca di Investimento Europea. ha varato nel 2019 nuove policies per fermare gli investimenti nei combustibili fossili ed armonizzare le sue linee di investimento con gli accordi di Parigi. Questo accordo però permetterà ancora per 2 anni nuovi progetti per il gas fossile, su cui punta anche l’Italia.

Ricordiamo che, anche se la crisi economica innescata dalla pandemia avrà come effetto una temporanea riduzione delle emissioni, ciò non è da considerare un vantaggio in termini assoluti. Piuttosto, ci ha mostrato con quanta rapidità sia possibile agire e imporre cambiamenti prima impensabili.

Appare evidente come l’arresto massiccio delle attività umane e della socialità, dove sopravvive solo chi ha una “rete di salvataggio”, e vengono lasciati indietro i più deboli e meno attrezzati dal punto di vista socioeconomico, portando all’estremo le ineguaglianze preesistenti, non è una via percorribile.

Secondo Hans Bruyninckx della European Environment Agency (EEA Europe) è possibile raggiungere target ambiziosi negli anni a venire soltanto se piani i piani di transizione economica ed energetica saranno improntati all’inclusività e alla giustizia sociale.

Ma cosa possiamo fare noi, dalle nostre case in “quarantena”?

Sebbene come Extinction Rebellion siamo consapevoli dell’insufficienza delle azioni individuali, promuovendo un cambiamento di sistema, riteniamo giusto segnalare come durante la “quarantena” si possano fare gesti importanti anche rimanendo a casa. Infatti anche i nostri soldi, nel conto in banca o nel fondo pensione, non sono “neutri”. Una volta depositati in banca o affidati a un gestore finanziario possono alimentare pratiche con impatti positivi o al contrario estremamente negativi. Da casa è possibile inviare un segnale a chi gestisce i nostri soldi, cambiando, ad esempio, il nostro conto in banca o il nostro fondo Pensione, sottraendo i nostri risparmi dagli istituti che finanziano la ricerca e l’estrazione di combustibili fossili gli investimenti speculativi che aumentano la deforestazione e la distruzione delle comunità indigene, e la produzione di armi, incluse quelle nucleari.

Infatti la maggior parte delle banche investe i nostri soldi in combustibili fossili e nel commercio di armi, anche nucleari. Ciò significa che hanno un interesse acquisito nel nostro fallimento nella lotta contro la crisi climatica e per la pace. Se il mondo smette di bruciare combustibili fossili e di armarsi, le banche perdono denaro.

post-picture

Il rapporto Banking on Climate Change 2019 pubblicato da un gruppo di organizzazioni (BankTrack, Oil Change International, Rainforest Action Network, Sierra Club, Honor the Earth e Indigenous Environmental Network) e approvato da oltre 160 organizzazioni di tutto il mondo, rivela che dopo l’adozione dell’Accordo di Parigi 33 grandi banche mondiali hanno finanziato con 1.900 miliardi di dollari società produttrici di combustibili fossili e che l’entità dei finanziamenti è aumentata in ciascuno degli ultimi due anni. 1

Secondo l’ultimo rapporto Don’t bank on the bomb, pubblicato dalla Campagna Premio Nobel per la pace ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) e la Ong olandese PAX, 329 banche, compagnie di assicurazione, fondi pensione e gestori patrimoniali di 24 paesi investono in modo significativo in armi nucleari. Nel Rapporto si riscontra un massiccio aumento degli investimenti nelle armi di distruzione di massa, ma vengono anche individuate 63 istituzioni finanziarie con politiche che limitano o proibiscono gli investimenti in qualsiasi tipo di produttore di armi nucleari. 2

Lasciare la propria banca è una scelta forte. Quindi, prendersi il tempo per farlo fornisce loro un incentivo finanziario a disinvestire dai combustibili fossili, dalle infrastrutture per estrarli e trasportarli e dalla produzione di armi. Insomma, anche muovere il nostro denaro nella direzione giusta è una azione per la giustizia climatica e sociale. Per quanto cinico e triste ciò possa sembrare, nella democrazia globale “every time you spend money, you’re casting a vote for the kind of world you want” (Anna Lappé), Ogni volta che spendi soldi, stai votando per il mondo che vorresti.

Cosa hai fatto una volta che hai saputo?

Sono le 3:23 del mattino

e sono sveglio … perché i miei pronipoti non mi lasciano dormire. I miei pronipoti mi chiedono nei sogni:

cosa hai fatto mentre il pianeta veniva saccheggiato?

Cosa hai fatto quando la terra si stava sgretolando?

Sicuramente hai fatto qualcosa,

quando le stagioni hanno iniziato a fallire?

Sicuramente hai fatto qualcosa,

mentre i mammiferi, i rettili e gli uccelli stavano morendo tutti?

Sicuramente hai fatto qualcosa?

Hai riempito le strade di protesta quando la democrazia è stata rubata?

Cosa hai fatto una volta che hai saputo?

(Estratto da ‘ Hieroglyphic Stairway’ , una poesia di Drew Dellinger)

post-picture

Letture aggiuntive:

https://www.regionieambiente.it/banche_investimenti_combustibili_fossili/

https://www.ran.org/wp-content/uploads/2019/03/Banking_on_Climate_Change_2019_vFINAL1.pdf

https://gofossilfree.org/divestment/register-commitments/

https://valori.it/wp-content/uploads/2019/02/2019-RAPPORTO-ITALIANO.pdf

http://www.assosef.org/it/67/finanza-sostenibile-su-economia-italiana-20192.-saggio-di-timpano-e-fedeli..html

https://valori.it/banche-e-greenwashing/?amp

Altri esempi di azioni che è possibile fare da casa:

  • Si può firmare, usando il proprio documento di identità, l’Iniziativa dei cittadini europei (ECI) promossa dai Fridays for Future in cui si chiede alla commissione europea di rafforzare l’azione dell’UE sull’emergenza climatica in linea con il limite di 1,5 °C di riscaldamento, con obiettivi climatici più ambiziosi e maggior sostegno finanziario alla tutela del clima. https://eci.fridaysforfuture.org/it/sign-the-european-citizens-initiative/
  • Si può aderire all’iniziativa “Giudizio Universale: facciamo causa allo stato!” a questo sito: https://giudiziouniversale.eu/unisciti-a-noi/. Ne abbiamo parlato approfonditamente qui.

  1. Secondo il rapporto Dont’ Bank on the Bomb per l’Italia fra le banche che proibiscono gli investimenti in armi nucleari figura solo Banca Etica (inserita nella “Hall of Fame”) mentre Intesa-Sanpaolo e Unicredit sono state inserite tra i “Runners-up” che stanno migliorando la loro esposizione, anche se solo con una “stella” sulle quattro possibili e rimangono comunque anche nella “Hall of shame” per investimenti nelle armi nucleari negli anni precedenti. 

  2. Secondo il rapporto Banking on Climate Change 2019, nella classifica degli investitori “sporchi” ci sono anche molti gruppi europei, come Barclays, Credit Suisse, Deutsche Bank, Bnp Paribas, ING e l’italiana Unicredit, che ha fornito al comparto delle fossili 17 miliardi in tre anni ed in particolare investe oltre un miliardo di dollari in carbone ed esplorazioni estrattive a profondità estreme. 

Ultimi Articoli
  • Perché continuiamo a considerare il legname energia rinnovabile?
    Jacopo Simonetta, ecologo • 30 May 2020
  • Libri per amare il Pianeta e ribellarsi in suo nome
    Redazione magazine • 27 May 2020
  • Come superare l'ecoansia e affrontare la crisi climatica ed ecologica
    Emma Marris, New York Times • 24 May 2020
  • Tutti i post...

    categorie
    Formazione
  • Learning Rebellion
    Daniele e Camilla • 13 Jun 2019

  • Ribellione Internazionale
  • Settimana della Ribellione
    XR Italia • 16 Sep 2019
  • Crowdfunding: Sostieni la Ribellione!
    XR Italia • 13 Sep 2019

  • Notizie
  • COVID-19: Misure di stimolo per salvare vite, proteggere i mezzi di sussistenza e salvaguardare la natura per ridurre il rischio di future pandemie
    Degli Esperti IPBES Professors Josef Settele, Sandra Díaz and Eduardo Brondizio and Dr. Peter Daszak • 09 May 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Extinction Rebellion plaude alla capacità della comunità internazionale di agire con urgenza
    XR Italia • 16 Mar 2020
  • Perché non trattiamo la crisi climatica con la stessa urgenza del Coronavirus ?
    Owen Jones, The Guardian • 09 Mar 2020
  • Le donne nel mondo denunciano l'impatto sproporzionato del cambiamento climatico sulle donne
    XR Italia • 07 Mar 2020
  • Se lo stato non ci protegge, facciamo causa allo stato!
    di Carolina Pozzo • 05 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • E se questo fosse il punto di svolta?
    XR Italia • 28 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Non c’è Carnevale in fondo al mare
    XR Italia • 19 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Come boicottare il settore tessile in poche semplici mosse
    XR Italia • 15 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Workshop di design collaborativo
    XR Italia • 07 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • Lettere d'amore a madre Terra
    XR Families Italia • 30 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • L'Australia registra il giorno più caldo di sempre - un giorno dopo il record precedente
    XR Italia • 21 Dec 2019
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Con l’aumento delle temperature, lo strato di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico sta scendendo a livelli 'allarmanti'
    Ian Sample, editore scientifico del The Guardian, trad. XR Italia • 17 Dec 2019
  • Restare uniti e rilanciare la ribellione: alla fine di COP25 parte la consultazione sulle Richieste globali di XR
    XR Italia • 14 Dec 2019
  • Guterres: gli impegni di Parigi non bastano, vanno aumentati di 5 volte
    XR Italia • 12 Dec 2019
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • I colloqui della COP25 sul clima non riescono a far fronte all'urgenza della crisi
    Fiona Harvey - Madrid, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Un appello dai genitori alla COP25
    XR Families Italia • 09 Dec 2019
  • Con FFF e Earth Strike per dire no alla Fast Fashion
    XR Lucca Pisa Livorno • 08 Dec 2019
  • Storica marcia per il clima: mezzo milione di persone in strada a Madrid
    XR Italia • 07 Dec 2019
  • Ultimatum per l'umanità: il tempo è quasi scaduto
    XR Italia • 06 Dec 2019
  • #UltimatumCOP25: Extinction Rebellion c’è
    XR Italia • 01 Dec 2019
  • La fame di essere ascoltati
    XR Milano • 30 Nov 2019
  • Cavalcata Ribelle 9 Novembre 2019
    Leonardo (XR Milano) • 10 Nov 2019
  • Corridoio umano contro la deforestazione
    XR Piemonte • 29 Oct 2019
  • XR Italia a fianco di chi evidenzia le responsabilità dell’industria della moda
    XR Italia • 28 Oct 2019
  • Più di cento personaggi del mondo dello spettacolo firmano una lettera aperta ai media per spalleggiare Extinction Rebellion
    XR Italia • 20 Oct 2019

  • XR Magazine
  • Perché continuiamo a considerare il legname energia rinnovabile?
    Jacopo Simonetta, ecologo • 30 May 2020
  • Libri per amare il Pianeta e ribellarsi in suo nome
    Redazione magazine • 27 May 2020
  • Phap man - Un invito all'azione compassionevole
    XR Italia • 23 May 2020
  • È tempo di sfoderare le nostre ambizioni
    XR Italia • 20 May 2020
  • I pasti dei ricchi che continuano ad includere animali selvatici nei menù
    XR Italia • 16 May 2020
  • Una nuova speranza: intervista a Jacopo Simonetta
    XR Italia, Jacopo Simonetta • 13 May 2020
  • La sesta ondata di estinzioni di massa: perché dovrebbe importarcene qualcosa?
    Gianluca Serra • 06 May 2020
  • DEMOCRAZIA E STATO DI ECCEZIONE: CHI DECIDE NELL’EMERGENZA?
    di pav locc • 02 May 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I Romanzi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 30 Apr 2020
  • Abbiamo visto che cosa è possibile fare e non possiamo tornare alla normalità
    Di Clare Farrell, co-fondatrice di Extinction Rebellion. • 25 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I saggi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 23 Apr 2020
  • La "regola del 3,5%": come una piccola minoranza può cambiare il mondo
    XR Italia • 18 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I film per imparare dalla catastrofe
    di Filippo Fassina e Sara Varcasia • 15 Apr 2020
  • 2019: l’anno ribelle
    Fiorella Carollo • 11 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I documentari per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 08 Apr 2020
  • Nella lotta nonviolenta e nella disobbedienza civile vince l’ostinazione
    Fiorella Carollo • 04 Apr 2020
  • Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?
    XR Italia • 01 Apr 2020
  • Picco per Capre
    di Luca Pardi e Jacopo Simonetta • 28 Mar 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020
  • Non c'è alternativa a Facebook? Vi presentiamo i social ribelli
    XR Italia • 12 Mar 2020
  • E se smettessimo di fingere?
    Jonathan Franzen • 11 Mar 2020
  • Guarire la Terra guarendo noi stessi
    di Kaira Jewel Lingo • 04 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • REWILDING: una soluzione basata sulla natura
    A cura del Gruppo Nazionale Scientifico di XR Italia • 01 Feb 2020
  • “È una crisi, non un cambiamento”: le parole e le immagini per Dire la Verità
    XR Italia • 28 Jan 2020
  • Nel 2030 abbiamo posto fine all'emergenza climatica! Ecco come
    E. Holthaus, tradotto da XR Italia • 24 Jan 2020
  • I limiti alla crescita
    XR Italia • 21 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • La maledizione del marmo apuano
    Jacopo Simonetta • 09 Jan 2020
  • Il 2020 può essere l’anno in cui ricarichiamo noi stessi (e la natura)
    XR Italia • 09 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • Carola Rackete, Il mondo che vogliamo. Appello all’ultima generazione, Milano, 2019, Garzanti.
    XR Italia • 03 Jan 2020
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019
  • “Dichiarazione di emergenza climatica”: l’importanza di salvaguardare la biosfera e i servizi ecosistemici
    Jacopo Simonetta • 03 Dec 2019

  • Azioni
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Extinction Rebellion Italia blocca il ponte dell’Accademia
    XR Italia • 23 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Extinction Rebellion in azione a piazzale Flaminio nel giorno di San Valentino
    XR Italia • 14 Feb 2020
  • Cambiamo disco!
    XR Italia • 08 Feb 2020
  • L'Australia è in fiamme! Sit-in di Extinction Rebellion in piazza della Repubblica a Firenze
    XR Italia • 17 Jan 2020
  • Una trappola di fuoco davanti all’ambasciata australiana di Roma
    XR Italia • 15 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Ultimatum alla Regione Piemonte
    XR Piemonte • 18 Dec 2019
  • Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR
    XR Italia • 15 Dec 2019
  • Due sub in pieno centro a Genova
    XR Genova • 11 Dec 2019
  • Sciopero Globale del 29 Novembre: arte e cortei a Torino
    XR Piemonte • 05 Dec 2019

  • Dicono di noi
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019

  • XR Families
  • Come superare l'ecoansia e affrontare la crisi climatica ed ecologica
    Emma Marris, New York Times • 24 May 2020
  • Lasciateli giocare
    Peter Gray • 17 May 2020
  • Una Guida per i Genitori sulla Crisi Climatica ed Ecologica
    XR Italia • 10 May 2020
  • Confrontarsi con l'apprendimento e il gioco a casa dei figli
    XR Italia • 03 May 2020
  • Crescere bambini e bambine forti e resilienti nell'epoca della crisi climatica ed ecologica
    XR Families Italia • 24 Apr 2020
  • Riconoscere l'ansia nei bambini.
    Alexandra Harris, Parenting per Wholeness Parenting Coach • 16 Apr 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020