Una guida di Extinction Rebellion all'impossibile

05 Jun 2020 - Story Circle, XR UK, traduzione XR Italia
XR Magazine Cultura Rigenerativa Visioni Ribelli



Il modo di essere dell’attivista è di tentare di fare qualcosa che sia significativo, per cambiare il mondo e la società, anche quando il mondo sembra già totalmente sconvolto. In questo momento particolare della storia, per cercare di dare un senso a tutto quello che accade, rischiamo di bloccarci all’interno di modi di pensare standardizzati, che potrebbero limitare troppo il nostro agire: per questo il Cerchio della Narrazione di XR UK ci propone una “guida per puntare all’impossibile”. Noi della redazione di XR Magazine abbiamo pensato che anche per noi italiani, in questo particolare periodo, è importante lanciare a noi stessi una sfida, cercare di superare le limitazioni che i nostri modi di pensare ci impongono. Per questo abbiamo tradotto l’inizio del documento, una piccola sfida a immaginare il nostro, personale Impossibile.

post-picture

La vecchia storia

La vecchia storia era il mondo del possibile.

Ci abbiamo vissuto per centinaia di anni.

Il mondo del possibile era stantio, di vedute ristrette,

iniquo, corrotto, e ossessionato

dal denaro. Sfruttava e schiavizzava.

Non voleva cambiare. Il suo motto era

“È così che stanno le cose”, era fatalista,

per lui “magia” altro non erano che i trucchi

matematici che certa gente faceva per procurarsi

più soldi.

Ma le cose non devono per forza stare così,

e i soldi non hanno nulla di magico

in confronto alla Vita.

Tantissime storie nuove

La vecchia storia sta tramontando (anche se

cerca di darci l’impressione contraria).

Al suo posto verranno molte storie nuove,

raccontate da tante voci, tra cui Extinction

Rebellion.

Alcune di queste storie emergeranno

dalla vecchia storia, con una mano di vernice fresca,

Ma molte saranno nuove, o sembreranno nuove,

raccontate da coloro che la vecchia storia non voleva sentire.

Queste storie saranno di gran lunga migliori

di quella unica vecchia storia. E se ascolteremo bene,

troveremo in esse tutto ciò che dobbiamo sapere per sopravvivere.

È tarda primavera, 2020.

Prenditi un momento per dire la parola “gennaio”

e sentire quanto suona distante.

Gennaio.

Gennaio.

Gennaio.

Questo è un periodo davvero difficile.

Ma nelle ultime settimane, sono successe

cose senza precedenti.

La vecchia storia si è incrinata.

L’economia è un’illusione. Gli aerei scompaiono.

È sconcertante, fa paura.

Ma anche… cavolo!

Possibile che il momento di salutare una storia

vecchia che non era una buona storia

sia più vicino di quanto sperassimo?

E se fosse così, con cosa la possiamo rimpiazzare?

Che ne dite di farlo con tutto ciò che finora ritenevamo

impossibile?

Cosa sta succedendo che una volta sembrava impossibile?

“lavoratori poco qualificati” vengono riconosciuti come

“lavoratori essenziali”, e viceversa i dirigenti delle aziende petrolifere.

La maggior parte delle interazioni quotidiane

non richiedono denaro.

Il petrolio non si può neanche regalare.

Molti si rendono conto che tutto è collegato.

Noi abbiamo bisogno dei marchi

meno di quanto loro abbiano bisogno di noi.

Abbiamo bisogno della natura selvaggia più di quanto pensassimo.

Si segue l’esempio degli emarginati.

Si torna a vedere l’Himalaya dalle città indiane,

e in tutte le città si respira meglio.

È la fine della FOMO (paura di perdersi qualcosa stando offline).

Il 40% di biossido di azoto in meno nell’aria.

È tutto possibile.

Ora, che altro lo è?

Questo è un invito a costruirlo adesso.

Benvenut@ all’Impossibile.

Levitazione domestica

Prendi carta e penna.

Elenca alcune delle cose Impossibili

che hai in cucina.

Una spina elettrica, una calamita da frigo,

una pianta in vaso, un bambino.

Il mondo è un posto fantastico.

Se sei vicino a un albero o a un prato,

vai lì. Anche una finestra va benissimo.

Guarda il cielo, gli uccelli, le cime degli alberi in rigoglio.

Pensaci: la vita sulla Terra è l’Impossibile per antonomasia

e tu ne fai parte.

Ora pensa a tutte le cose Impossibili

che vorresti vedere nel mondo;

le cose che non hai mai osato menzionare

a nessuno, perché avrebbero detto:

“Hai ragione, ma è totalmente Impossibile.”

Elencale. Non ti preoccupare se all’inizio

sembra strano, o non viene.

Continua a scrivere. Aspetta a rileggere

e non cancellare nulla.

Fallo per… sette minuti.

post-picture

Sono passati sette minuti? Ok, fermati.

Guarda il tuo foglio. Auguri! Quello

che vedi è l’inizio dell’Impossibile.

Come saprai che hai trovato una storia Impossibile?

Fa delle cose strane col tempo.

Ti fa sentire più giovane

e più vecchio, contemporaneamente.

Ti senti connesso a qualcosa di molto

più grande di te.

I Princìpi dell’Impossibile

Non ci sono né regole né limiti.

È un viaggio.

Prenditi sempre cura di te e degli altri.

Stiamo creando questa storia strada facendo.

post-picture

Il resto del documento lo trovate su:

https://rebellion.earth/the-xr-guide-to-the-impossible/