Perché l’ecocidio non interessa a nessuno in Italia?

22 Jul 2020 - Fiorella Carollo
XR Magazine Società Visioni Ribelli



Foto di Vlad Chețan da Pexels

“Immaginate che esista una legge, un codice morale universale, sopra di tutto e compreso da tutti, che parli di tutela invece che di proprietà, che parli di cura invece che di profitto. Immaginate una legge che mette al primo posto gli interessi della gente e del pianeta, il cui primo articolo sia “non fare del male” e contempli l’obbligo legale della cura.“

Parole forti queste pronunciate in una delle sue tante Ted Conferences da Polly Higgins, parole che rimandano ad un salto di qualità, un cambio di coscienza, per essere comprese. Parole semplici per spiegare la legge che lei, da avvocata, ha elaborato a difesa della Terra, una legge pensata per inchiodare chi danneggia un ecosistema ed impedisce alle generazioni future di goderne.

Lo Statuto di Roma La legge a cui fa riferimento nel suo discorso Polly Higgins, è l’ecocidio cioè il crimine contro la terra, quello che dovrebbe diventare il quinto emendamento dello Statuto di Roma. Lo Statuto di Roma è un trattato internazionale firmato da 120 paesi, così chiamato perché si firmò a Roma il 18 luglio 1998 nella sede della Fao, e grazie al quale è stata istituita una Corte Penale Internazionale 1 per condannare i crimini contro la pace. La sua attuazione deve molto alla società civile italiana che si è mobilitata con una fiaccolata simbolica dall’Aventino al Campidoglio, con alla testa l’allora capo del governo Prodi e l’allora sindaco di Roma Rutelli per sollecitare la composizione delle parti. Cinquanta paesi infatti si ostinavano a bloccare i lavori della commissione. Lo Statuto di Roma è in vigore a livello internazionale dal 2002 ed opera nei confronti dei crimini contro la pace: crimini di guerra, crimini contro l’umanità, genocidio e aggressione. “Si tratta di uno dei più importanti trattati a livello internazionale” secondo Polly Higgins “e in particolare per la nostra causa perché ci permette, invece di creare ex novo una legge sull’ecocidio - impresa difficilissima a causa di interessi travestiti - di semplificare il percorso con la “semplice” aggiunta di un emendamento, il quinto. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è un capo di Stato che avanzi la richiesta formale di dibattere la legge sull’ecocidio ed entro tre mesi una commissione potrà essere istituita”. 2

Perché è importante che il reato di ecocidio venga riconosciuto dalla Corte Penale Internazionale?

Perché all’interno dello Statuto di Roma gli Stati sono tutti uguali, il più grande come il più piccolo, e tutti hanno diritto ad un voto. Se il reato di ecocidio incomincia ad entrare nelle discussioni internazionali, le banche e gli assicuratori dovranno prendere seriamente in considerazione quello che finanziano, mentre gli amministratori delle grandi aziende che inquinano incominceranno a valutare se vorranno essere messi alla stessa stregua di un criminale di guerra. 3

La storia: In realtà Polly Higgins ha più volte ricordato come una proposta analoga alla sua fu fatta nel 1972 dall’allora primo ministro svedese Olof Palm, il quale denunciò quanto stava accadendo in quegli anni nella guerra del Vietnam con l’impiego devastante del Napalm da parte dell’esercito americano, e chiese che fossero ritenute responsabili quelle persone, quegli stati, quei ministri che causavano disastri ecologici irreversibili, perché l’aria, il suolo, la natura è un bene comune da lasciare alle generazioni future. Non è strano quindi che oggi sia Greta a riprendere il filo interrotto, a rifarsi ad un’eredità propria del suo paese, la Svezia. Olof Palm fu il primo politico a parlare di delitti contro la terra e diede vita ad una apposita Commissione Onu. Polly fa spesso riferimento al fatto che il quinto emendamento dei crimini contro la natura dello Statuto di Roma faceva già parte della bozza iniziale dello Statuto ma venne poi cancellato proprio prima di venir presentato all’Assemblea generale per l’approvazione finale, a causa del veto di quattro paesi: gli Stati Uniti, l’Inghilterra, la Francia e l’Olanda. Se nel 1996 questo emendamento non fosse stato rimosso sarebbe diventato legge. Questo significa che non avremmo avuto le deforestazioni indiscriminate, non avremmo avuto gli organismi modificati geneticamente né le estrazioni di petrolio, per non parlare del nucleare. Il nostro mondo oggi potrebbe essere completamente diverso. Invece quello che abbiamo è un ciclo di distruzione delle risorse che porta a esclusioni, ingiustizie, conflitti. Un ciclo che sta diventando sempre più accelerato. Ma noi società civile, noi cittadini possiamo sovvertire questo ciclo, possiamo fermarlo.

post-picture

Credits: mafe de baggis da Milano

Una pioniera

Nata il 4 luglio, celebrato come il giorno dell’indipendenza americana, scherzosamente lo ricordava come il “giorno dell’interdipendenza”. Polly Higgins era un’avvocata della City di Londra che ad un certo punto sentì la “chiamata” a difendere la Terra, a diventare il suo avvocato. Vendette la sua casa e con quei soldi finanziò la campagna Make Ecocide Law. Non era una persona qualunque, prima di iscriversi a legge aveva già alle sue spalle tre lauree e dopo aver deciso di difendere la Terra non era passata inosservata: la nota rivista britannica The Ecologist la incluse tra i dieci pensatori più visionari e la premiò nel 2010. Il suo primo libro Eradicating ecocide ha vinto The People’s Prize nel 2011. Le sono state conferite laurea ad honorem in diverse università europee come riconoscimento per il suo impegno e competenza. E tanto altro.

Ciò nonostante, in questi dieci anni, da quando ha presentato il progetto di legge da lei messo a punto alla Commissione legale Onu, dieci anni passati tra le stanze dei palazzi dell’Onu, tra i palazzi della comunità europea facendo lobby alla sua causa, Polly ha passato momenti difficili, di sconforto, di abbattimento. Ogni volta che sembrava avesse trovato la tanto sospirata controparte politica disposta ad appoggiare la sua causa, arrivava un dietrofront; le aspettative dovevano essere sottoposte ad un continuo ridimensionamento, doveva accettare rinunce, l’ennesimo interminabile rinvio, a volte anche il doloroso abbandono di un* collaborat* importante. Polly è riuscita a non darsi per vinta, non perché avesse un carattere particolarmente ostinato, ma perché in questo cammino si è affidata sempre più alle sue risorse interiori. Ha accompagnato la campagna Make ecocide law alla sua personale campagna di trasformazione, per una crescita interiore, crescita che le permettesse di stare sempre al fianco della sua missione e di non abbandonarla. 4 Parlare dei diritti della Terra quando a dettar legge sono il profitto e le multinazionali, è fare la parte di un don Chisciotte. Ma ora non è più così, e questo è anche grazie a lei.

Soldi: Pochissime persone, particolarmente illuminate, l’hanno finanziata in dieci anni. Le Ngo richiedono piani, previsioni e risultati, cose che era impossibile fornire riguardo a questa causa, e per questo motivo si sono sempre rifiutate di finanziarla. Anche questo è stato indubbiamente un fattore di pena, di sconforto, per Polly si trattava di un lavoro a tempo pieno, e sentirsi dire continuamente da avvocati ambientalisti che era un’impresa impossibile da finanziare non è incoraggiante. Nel 2016, dopo l’ennesimo rifiuto, decide che la promozione delle campagne verrà finanziata dalle persone che credono nella loro bontà. Inizia il crowdfunding sul sito web che finalmente le dà un sostegno finanziario e le permette di portare una squadra di espert* e avvocat* - The Ecological Defence Integrity - all’interno della Corte Penale Internazionale per fare lobby con i capi di Stato. Nello stesso anno fonda il Trust “Earth Protectors” e riesce a far approvare il documento che definisce chi protesta per difendere la Terra un “Protettore di coscienza” in tutte le corti. La campagna Stop Ecocide da allora è portata avanti efficacemente in diversi paesi dagli Earth Protectors.

Il seme: impiantato è cresciuto e il terreno preparato è diventato fertile: “In un modo che mai avremmo immaginato un anno fa!” dice Jojo Mehta. “Molte persone, e intendo davvero molte, dopo la morte di Polly - il 21 aprile dello scorso anno - si sono fatte avanti preoccupate che il lavoro si fermasse e così si è creata una squadra di attivist che hanno lavorato duramente per portare avanti la campagna Make ecocide law.* Non solo in UK ma anche in altri paesi, inclusi la Francia e la Svezia, si sono attivati gruppi di persone che, ispirate dall’esempio di Polly, hanno lavorato per diffondere la campagna ed inserirsi nel più grande movimento di consapevolezza nei confronti dell’emergenza climatica”.

post-picture

La squadra di espert che Polly e Jojo Mehta hanno messo in piedi, The Ecological Defense Integrity, per portare avanti il lavoro diplomatico necessario a livello internazionale, ha dato i suoi frutti: a dicembre 2019 lo Stato di Vanuatu ha abbracciato la causa dell’ecocidio. Essendo le piccole isole del Pacifico le più minacciate dai cambiamenti climatici, sono quelle con cui la squadra di Polly ha lavorato di più concentrandosi proprio esclusivamente su di loro. Ma un altro aiuto concreto ed incredibile è arrivato in questi giorni: il 21 giugno l’assemblea dei cittadini francese - che Macron aveva istituito lo scorso ottobre per venire incontro alle richieste dei gilet gialli e porre fine alle loro manifestazioni durate quasi un anno- ha formalmente chiuso i lavori durati nove mesi e sottoposto le loro 147 richieste, in cinque macro-aree, più due che dovranno essere sottoposte ai cittadini francesi con un referendum. La prima proposta chiede che la costituzione francese venga rivista in modo tale da diventare una costituzione che prenda in considerazione la tutela dell’ambiente, la seconda proposta chiede che venga riconosciuta l’ecocidio come reato penale in Francia. Il 29 giugno Macron prende atto delle risoluzioni proposte dall’assemblea dei cittadini- la CCC, Convention Citoyenne pour le Climat- e annuncia che si impegnerà a chiedere che diventi legge il reato di ecocidio, anche se non in Francia per il momento, ma in seno alla comunità internazionale. La notizia è stata accolta con enorme esultanza, quasi incredulità da Jojo Mehta, la collaboratrice degli ultimi quattro anni di Polly. Ci sono voluti undici anni di lavoro per arrivare a questo risultato. Non è ancora una vittoria, è troppo presto per cantar vittoria, ma è sicuramente un riconoscimento ufficiale da parte di una delle principali economie del mondo. Non è un risultato che arriva out of the blue* questa dichiarazione di Macron, come ci spiega Jojo Mehta, la Francia è il paese in cui la consapevolezza del reato di ecocidio è più sviluppato, grazie agli attivisti che da anni sostengono gli indigeni dell’Amazzonia contro le politiche di deforestazione.

Ecocidio

La definizione presentata da Polly Higgins alla Commissione legislativa Onu: “Ecocidio è perdita, danno o distruzione di un ecosistema in un dato territorio causato da un agente umano o da altro, per un’estensione tale da diminuire significativamente il godimento pacifico di quel territorio da parte dei suoi abitanti”.

L’autrice dell’articolo è Fiorella Carollo, collaboratrice di XR Italia, l’ultimo suo libro è stato “Extinction Rebellion e la rivoluzione ambientale” pubblicato da Multimage

  1. Sigla internazionale ICC, International Crime Court 

  2. Vedi “Extinction Rebellion e la rivoluzione ambientale” capitolo su Polly Higgins p.147 

  3. Pag.169-70 “Dare to be great” Polly Higgins, 2014 

  4. Vi consiglio la lettura del suo ultimo libro “Dare to be great” 2014 lo trovate in PDF nella sua pagina FB 

Ultimi Articoli
  • In lode a Extinction Rebellion
    Di Fiorella Carollo • 05 Aug 2020
  • Interviste Ribelli; Luca Mercalli
    XR Italia • 01 Aug 2020
  • Breve storia triste delle Convenzioni Climatiche tra fuffa, disperazione e rabbia.
    Di Jacopo Simonetta • 28 Jul 2020
  • Tutti i post...

    categorie
    Formazione
  • Learning Rebellion
    Daniele e Camilla • 13 Jun 2019

  • Ribellione Internazionale
  • Settimana della Ribellione
    XR Italia • 16 Sep 2019
  • Crowdfunding: Sostieni la Ribellione!
    XR Italia • 13 Sep 2019

  • Notizie
  • Facebook oscura le pagine di Extinction Rebellion
    XR Italia • 24 Jul 2020
  • Può l’ecocidio diventare un crimine internazionale?
    Ben Cooke • 15 Jul 2020
  • La Standing Rock Sioux Tribe ferma l’oleodotto!
    Manlio Pertout • 12 Jul 2020
  • L’inquinamento atmosferico sta aggravando la pandemia da Covid-19?
    Arianna Casiraghi • 23 Jun 2020
  • Le emissioni sono calate ma è abbastanza?
    Domenico Barbato • 20 Jun 2020
  • Piano integrato o parco disintegrato? Questo è il dilemma
    Simonetta Biagi e Jacopo Simonetta • 04 Jun 2020
  • COVID-19: Misure di stimolo per salvare vite, proteggere i mezzi di sussistenza e salvaguardare la natura per ridurre il rischio di future pandemie
    Degli Esperti IPBES Professors Josef Settele, Sandra Díaz and Eduardo Brondizio and Dr. Peter Daszak • 09 May 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Extinction Rebellion plaude alla capacità della comunità internazionale di agire con urgenza
    XR Italia • 16 Mar 2020
  • Perché non trattiamo la crisi climatica con la stessa urgenza del Coronavirus ?
    Owen Jones, The Guardian • 09 Mar 2020
  • Le donne nel mondo denunciano l'impatto sproporzionato del cambiamento climatico sulle donne
    XR Italia • 07 Mar 2020
  • Se lo stato non ci protegge, facciamo causa allo stato!
    di Carolina Pozzo • 05 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • E se questo fosse il punto di svolta?
    XR Italia • 28 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Non c’è Carnevale in fondo al mare
    XR Italia • 19 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Come boicottare il settore tessile in poche semplici mosse
    XR Italia • 15 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Workshop di design collaborativo
    XR Italia • 07 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • Lettere d'amore a madre Terra
    XR Families Italia • 30 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • L'Australia registra il giorno più caldo di sempre - un giorno dopo il record precedente
    XR Italia • 21 Dec 2019
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Con l’aumento delle temperature, lo strato di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico sta scendendo a livelli 'allarmanti'
    Ian Sample, editore scientifico del The Guardian, trad. XR Italia • 17 Dec 2019
  • Restare uniti e rilanciare la ribellione: alla fine di COP25 parte la consultazione sulle Richieste globali di XR
    XR Italia • 14 Dec 2019
  • Guterres: gli impegni di Parigi non bastano, vanno aumentati di 5 volte
    XR Italia • 12 Dec 2019
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • I colloqui della COP25 sul clima non riescono a far fronte all'urgenza della crisi
    Fiona Harvey - Madrid, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Un appello dai genitori alla COP25
    XR Families Italia • 09 Dec 2019
  • Con FFF e Earth Strike per dire no alla Fast Fashion
    XR Lucca Pisa Livorno • 08 Dec 2019
  • Storica marcia per il clima: mezzo milione di persone in strada a Madrid
    XR Italia • 07 Dec 2019
  • Ultimatum per l'umanità: il tempo è quasi scaduto
    XR Italia • 06 Dec 2019
  • #UltimatumCOP25: Extinction Rebellion c’è
    XR Italia • 01 Dec 2019
  • La fame di essere ascoltati
    XR Milano • 30 Nov 2019
  • Cavalcata Ribelle 9 Novembre 2019
    Leonardo (XR Milano) • 10 Nov 2019
  • Corridoio umano contro la deforestazione
    XR Piemonte • 29 Oct 2019
  • XR Italia a fianco di chi evidenzia le responsabilità dell’industria della moda
    XR Italia • 28 Oct 2019
  • Più di cento personaggi del mondo dello spettacolo firmano una lettera aperta ai media per spalleggiare Extinction Rebellion
    XR Italia • 20 Oct 2019

  • XR Magazine
  • In lode a Extinction Rebellion
    Di Fiorella Carollo • 05 Aug 2020
  • Interviste Ribelli; Luca Mercalli
    XR Italia • 01 Aug 2020
  • Breve storia triste delle Convenzioni Climatiche tra fuffa, disperazione e rabbia.
    Di Jacopo Simonetta • 28 Jul 2020
  • Perché l’ecocidio non interessa a nessuno in Italia?
    Fiorella Carollo • 22 Jul 2020
  • Dubbi, incertezze e miti, i libri per farsi spazio tra la “nube” che offusca il dibattito sul clima
    Domenico e Michela • 18 Jul 2020
  • Può l’ecocidio diventare un crimine internazionale?
    Ben Cooke • 15 Jul 2020
  • La Standing Rock Sioux Tribe ferma l’oleodotto!
    Manlio Pertout • 12 Jul 2020
  • #NoGoingBack: non si torna indietro. I legami tra globalizzazione e Covid-19
    Noè Fioretti • 01 Jul 2020
  • A SUD: un appello disperato per le popolazioni indigene
    XR Italia • 27 Jun 2020
  • L’inquinamento atmosferico sta aggravando la pandemia da Covid-19?
    Arianna Casiraghi • 23 Jun 2020
  • Le emissioni sono calate ma è abbastanza?
    Domenico Barbato • 20 Jun 2020
  • Sono un'esperta di clima e sono di colore. Il razzismo svia i nostri sforzi di salvare il pianeta
    XR Italia • 12 Jun 2020
  • Altrimenti siamo fottuti!
    di Olivier Turquet • 10 Jun 2020
  • Una guida di Extinction Rebellion all'impossibile
    Story Circle, XR UK, traduzione XR Italia • 05 Jun 2020
  • Il mondo possibile
    Akshay Ahuja, The Dark Mountain Project • 03 Jun 2020
  • Perché continuiamo a considerare il legname energia rinnovabile?
    Jacopo Simonetta, ecologo • 30 May 2020
  • Libri per amare il Pianeta e ribellarsi in suo nome
    Redazione magazine • 27 May 2020
  • Phap man - Un invito all'azione compassionevole
    XR Italia • 23 May 2020
  • È tempo di sfoderare le nostre ambizioni
    XR Italia • 20 May 2020
  • I pasti dei ricchi che continuano ad includere animali selvatici nei menù
    XR Italia • 16 May 2020
  • Una nuova speranza: intervista a Jacopo Simonetta
    XR Italia, Jacopo Simonetta • 13 May 2020
  • La sesta ondata di estinzioni di massa: perché dovrebbe importarcene qualcosa?
    Gianluca Serra • 06 May 2020
  • DEMOCRAZIA E STATO DI ECCEZIONE: CHI DECIDE NELL’EMERGENZA?
    di pav locc • 02 May 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I Romanzi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 30 Apr 2020
  • Abbiamo visto che cosa è possibile fare e non possiamo tornare alla normalità
    Di Clare Farrell, co-fondatrice di Extinction Rebellion. • 25 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I saggi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 23 Apr 2020
  • La "regola del 3,5%": come una piccola minoranza può cambiare il mondo
    XR Italia • 18 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I film per imparare dalla catastrofe
    di Filippo Fassina e Sara Varcasia • 15 Apr 2020
  • 2019: l’anno ribelle
    Fiorella Carollo • 11 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I documentari per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 08 Apr 2020
  • Nella lotta nonviolenta e nella disobbedienza civile vince l’ostinazione
    Fiorella Carollo • 04 Apr 2020
  • Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?
    XR Italia • 01 Apr 2020
  • Picco per Capre
    di Luca Pardi e Jacopo Simonetta • 28 Mar 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020
  • Non c'è alternativa a Facebook? Vi presentiamo i social ribelli
    XR Italia • 12 Mar 2020
  • E se smettessimo di fingere?
    Jonathan Franzen • 11 Mar 2020
  • Guarire la Terra guarendo noi stessi
    di Kaira Jewel Lingo • 04 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • REWILDING: una soluzione basata sulla natura
    A cura del Gruppo Nazionale Scientifico di XR Italia • 01 Feb 2020
  • “È una crisi, non un cambiamento”: le parole e le immagini per Dire la Verità
    XR Italia • 28 Jan 2020
  • Nel 2030 abbiamo posto fine all'emergenza climatica! Ecco come
    E. Holthaus, tradotto da XR Italia • 24 Jan 2020
  • I limiti alla crescita
    XR Italia • 21 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • La maledizione del marmo apuano
    Jacopo Simonetta • 09 Jan 2020
  • Il 2020 può essere l’anno in cui ricarichiamo noi stessi (e la natura)
    XR Italia • 09 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • Carola Rackete, Il mondo che vogliamo. Appello all’ultima generazione, Milano, 2019, Garzanti.
    XR Italia • 03 Jan 2020
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019
  • “Dichiarazione di emergenza climatica”: l’importanza di salvaguardare la biosfera e i servizi ecosistemici
    Jacopo Simonetta • 03 Dec 2019

  • Azioni
  • Big Tech Loves Big Oil
    XR Italia • 08 Jul 2020
  • Un tappeto di scarpe da bambino a Palermo: Extinction Rebellion rivendica un pianeta sano per le nuove generazioni
    XR Italia • 04 Jul 2020
  • INTESA È NUDA: ATTIVISTI DI EXTINCTION REBELLION NUDI SOTTO IL GRATTACIELO SANPAOLO
    XR Italia • 29 Jun 2020
  • Extinction Rebellion: corpi morti per ecocidio agli Stati Generali dell’economia. Il collasso è imminente, l’inazione è perpetua. Si uccidono gli ecosistemi, muore l’umanità
    XR Italia • 20 Jun 2020
  • Attivisti di Extinction Rebellion sul parapetto di Ponte Sant’Angelo a Roma
    XR Italia • 06 Jun 2020
  • Piano integrato o parco disintegrato? Questo è il dilemma
    Simonetta Biagi e Jacopo Simonetta • 04 Jun 2020
  • Extinction Rebellion Torino di nuovo in azione per le strade della città
    XR Italia • 01 Jun 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Extinction Rebellion Italia blocca il ponte dell’Accademia
    XR Italia • 23 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Extinction Rebellion in azione a piazzale Flaminio nel giorno di San Valentino
    XR Italia • 14 Feb 2020
  • Cambiamo disco!
    XR Italia • 08 Feb 2020
  • L'Australia è in fiamme! Sit-in di Extinction Rebellion in piazza della Repubblica a Firenze
    XR Italia • 17 Jan 2020
  • Una trappola di fuoco davanti all’ambasciata australiana di Roma
    XR Italia • 15 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Ultimatum alla Regione Piemonte
    XR Piemonte • 18 Dec 2019
  • Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR
    XR Italia • 15 Dec 2019
  • Due sub in pieno centro a Genova
    XR Genova • 11 Dec 2019
  • Sciopero Globale del 29 Novembre: arte e cortei a Torino
    XR Piemonte • 05 Dec 2019

  • Dicono di noi
  • In lode a Extinction Rebellion
    Di Fiorella Carollo • 05 Aug 2020
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019

  • XR Families
  • Le Assemblee dei Cittadini: come trovare insieme soluzioni per il Pianeta
    di Alastair Macdonald. • 26 Jul 2020
  • Dobbiamo insegnare anche ai bambini più piccoli ad essere attivisti
    XR Italia • 21 Jun 2020
  • La ribellione di far scuola in natura
    a cura di XR Famiglie • 14 Jun 2020
  • Smettiamola di accusarci l'un l'altro per la crisi climatica
    Oliver Taherzadeh e Benedict Probst • 07 Jun 2020
  • Come superare l'ecoansia e affrontare la crisi climatica ed ecologica
    Emma Marris, New York Times • 24 May 2020
  • Lasciateli giocare
    Peter Gray • 17 May 2020
  • Una Guida per i Genitori sulla Crisi Climatica ed Ecologica
    XR Italia • 10 May 2020
  • Confrontarsi con l'apprendimento e il gioco a casa dei figli
    XR Italia • 03 May 2020
  • Crescere bambini e bambine forti e resilienti nell'epoca della crisi climatica ed ecologica
    XR Families Italia • 24 Apr 2020
  • Riconoscere l'ansia nei bambini.
    Alexandra Harris, Parenting per Wholeness Parenting Coach • 16 Apr 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020

  • Provvedimenti
  • Come favorire il “Bail out” del Pianeta
    XR Italia • 05 Jul 2020