Alcune riflessioni sulle oppressioni e disuguaglianze legate alla filiera agro-alimentare

05 Sep 2020 - Beatrice Lio
XR Magazine XR Trentino Alto Adige



La filiera agroalimentare nazionale rappresenta il percorso che un prodotto agro-alimentare compie dalla terra sino alle nostre tavole. In questo articolo, una nostra ribelle che si occupa di diritto ambientale e diritto alimentare, ci riassume un aspetto di questo argomento molto complesso, soffermandosi sugli anelli deboli della filiera stessa, gli operai agricoli, e sul tema delle agromafie. Nel finale il gruppo XR Trentino lancia un appello per partecipare ad un’azione digitale su questo tema.

Come sappiamo, la filiera agroalimentare italiana, il cosiddetto “made in Italy” è da sempre uno dei fiori all’occhiello del nostro Paese. Oltre ai numeri strettamente economici, il made in italy ha un inestimabile valore poiché è parte della storia, della cultura, delle tradizioni, dei rapporti sociali dell’Italia. Tuttavia esistono storie di di sfruttamento umano e ambientale che danno un’altra immagine della filiera agroalimentare italiana, ma altrettanto vera e purtroppo storicamente esistente.

Per prima cosa chiariamo la definizione di filiera agroalimentare: essa si riferisce ad un sistema che comprende attività, flussi materiali e informativi, tecnologie, risorse e organizzazioni che concorrono alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto agroalimentare finito.

Come spesso accade, in una filiera la legge di mercato fa sì che si individuino gli anelli deboli e questi saranno quelli che subiranno maggiori ingiustizie. Nella filiera agroalimentare questo anello è rappresentato dagli operai agricoli, i cosiddetti braccianti. Già il termine riduce queste persone a braccia, li mercifica e li espone al reclutamento di caporali.

L’agromafia è in Italia un fenomeno diffuso e persistente. Si tratta di attività illecite della criminalità organizzata che coinvolgono tutto il comparto agricolo e la filiera alimentare, dove la criminalità investe denaro sporco per controllare settori ‘puliti’ quali la ristorazione, la grande distribuzione e persino il turismo agricolo, accanto alle ingerenze illegali in settori come il ciclo dei rifiuti, le coltivazioni e la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli. Secondo il sesto Rapporto Agromafie elaborato da Eurispes, Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare, si stima che il fatturato delle agromafie si aggiri intorno ai 24,5 miliardi di euro (circa il 10% del fatturato criminale del nostro Paese). Inoltre, lo Stato italiano ha difficoltà a quantificare il numero dei lavoratori irregolari presenti nei campi, secondo alcune stime si aggirano tra i 400.000 e i 430.000 mila lavoratori. Quando lo scorso gennaio l’Italia è stata condannata da parte delle Nazioni Unite, dopo l’indagine condotta da Hilal Elver, Special Rapporteur per i Diritti Umani, per il numero e le condizioni non dignitose degli operai agricoli, si parlava di almeno 600.000 irregolari.

post-picture

Tutta questa irregolarità da dove nasce?

I fattori sono molteplici e non sono da ricercare solo nei campi, come molto spesso sinora si è fatto. Infatti, le politiche contro il caporalato hanno cercato di osservare il fenomeno solo nell’ambito circoscritto del reclutamento da parte di gruppi mafiosi presenti nei territori dei campi, ma la nascita e la proliferazione di questo fenomeno non è solo da attribuire ai caporali o ai produttori agricoli che utilizzano queste forme di manodopera (così come sanziona la Legge Anticaporalato) ma bisogna risalire la filiera per arrivare alla Grande Distribuzione Organizzata (GDO). Il caporalato nasce perché la vigilanza da parte dello Stato è assente e perché vi sono grosse multinazionali e gruppi d’acquisto che possono dettare “legge”, nonostante le direttive europee lo impediscano. I contratti di fornitura che le grosse catene di supermercati riescono a stipulare sono sempre a danno dei fornitori. Infatti, le clausole presenti in questi contratti prevedono molte “voci fuori fattura” cioè una serie di operazioni e strategie di marketing che i supermercati offrono e che i fornitori sono costretti ad accettare (dunque pagare) per rimanere sugli scaffali. Altri assi nella manica della GDO sono le aste elettroniche a doppio ribasso e i private labels.

Le aste online vengono indette dalla GDO e consistono nell’assegnare il contratto di fornitura all’azienda che offre il prezzo inferiore dopo due gare, in cui la base d’asta della seconda è il prezzo minore raggiunto durante la prima. Il tutto avviene nel giro di pochi minuti, su internet e gli offerenti partecipano nell’anonimità. Questo meccanismo è vessatorio per molti motivi: l’appalto è aggiudicato solo sulla base del prezzo; si partecipa in incognito – poca trasparenza; si hanno pochi minuti per fare un’offerta; il prezzo a cui si vende diventa un riferimento per tutte le GDO. Inoltre, le aste vengono svolte prima ancora che i produttori agricoli e le aziende trasformatrici si siano messe d’accordo sul prezzo di vendita. I fornitori vendono al buio un prodotto che non hanno e che non sanno quanto pagheranno. Quindi sebbene il prezzo minimo dovrebbe corrispondere a quello di produzione, molto spesso vengono aggiudicate aste a prezzi inferiori. Di conseguenza per non lavorare in perdita i fornitori si rifaranno sui produttori agricoli che saranno costretti a rifarsi sulla forza lavoro.

Saranno i braccianti a venire sottopagati, non nutriti, senza garanzie di contratto, tutele sanitarie, alloggi dignitosi. Ogni giorno gli operai agricoli faranno turni sotto il sole di agosto, senza acqua, cibo o tutele di alcun genere. Queste persone sono alla mercé dei caporali perché non hanno un permesso di soggiorno e l’unico modo per guadagnare qualche euro sarà farlo nell’irregolarità a condizioni disumane. Molti di loro sono morti nei campi. Queste persone sono invisibili a tutti: dallo Stato ai consumatori.

Altro problema sono i private labels: i prodotti col marchio del supermercato. Questa industria ha dei grandi vantaggi competitivi: non necessita di pubblicità, né di preoccuparsi dell’accesso al mercato, in quanto dispongono degli scaffali dei supermercati pronti ad esporli. In questo modo la GDO detta regole e prezzi per tutti i produttori. Si arriva allo scenario paradossale in cui i private labels sono prodotti dagli stessi fornitori che vendono al supermercato anche i propri prodotti. Si fanno concorrenza sullo scaffale nonostante l’unica sostanziale differenza sia il marchio. In questo caos viene incentivata la produzione al più basso costo possibile, incentivando criminalità organizzata, evasione e bassa qualità.

In una filiera ove la GDO detta le condizioni e gli altri attori non hanno mezzi per contrastarle non vi sono diritti dei lavoratori, diritti della terra, sicurezza, qualità, innovazione e manca qualsiasi tratto di orgoglio per il Made in Italy.

Quindi cosa fare?

Tutti sono attori necessari: in primis lo Stato che ha il dovere e il potere di regolamentare le dinamiche della filiera per assicurare che coloro che lavorano nei campi abbiano un regolare permesso di soggiorno (considerando che la maggior parte della manodopera è straniera), un contratto regolare di lavoro (il quale assicura non solo una paga dignitosa, ma anche condizioni di lavoro, di alloggio, di trasporto e sanitarie adeguate). La regolamentazione deve anche vietare pratiche commerciali sleali da parte della GDO e deve permettere ai consumatori di avere accesso alle informazioni di ciò che mangiano. Oggi è fondamentale incentivare un’agricoltura sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Ricordiamo i terribili effetti che i cambiamenti climatici stanno avendo ed avranno sulla produzione agricola mondiale: si rischia che se le emissioni inquinanti non verranno ridotte entro la fine del secolo la produzione di grano diminuirà del 20%, quella della soia del 40% e quella del mais del 50% secondo uno studio pubblicato su Nature Communications. È necessario il coinvolgimento di tutte le catene della filiera: le aziende che si occupano della produzione, trasporto, trasformazione, distribuzione e vendita dei prodotti agroalimentari. La filiera deve essere trasparente e tracciabile. Infine i consumatori devono responsabilizzarsi, avvicinandosi (anche letteralmente) alla terra, al cibo che mangiamo. Per fare ciò, data la complessità della filiera, vi sono realtà come la filiera corta che accorciano la distanza tra il campo e la tavola e possono darci più risposte su cosa stiamo mangiando e finanziando.

Come possiamo fare sentire la nostra voce?

In questi giorni è in esame al senato il DL n. 1373 che si occupa di sottocosto e di aste elettroniche a doppio ribasso, che intende rendere più difficile delle pratiche commerciali sleali che adotta la grande distribuzione. Le sanzioni previste dal decreto Legge però non sono sufficienti a disincentivare pratiche illegali. È l’occasione giusta per chiunque voglia attivarsi: vi invitiamo a partecipare il 9 Settembre alle ore 11 al mail bombing ideato dal gruppo XR Trentino che prevede come destinatari alcuni parlamentari coinvolti nel settore affinché agiscano per le problematiche di cui abbiamo parlato in questo articolo. Siate parte del cambiamento!

Approfondimenti:

  • F. Ciconte e S. Liberti “Il grande carrello” cibo-gdo-marketing
  • S. Liberti “I signori del cibo”
  • R. Anitori, A. Laforgia, R. Petralla “pomodoro nero” A. Mangano “lo sfruttamento nel piatto”
  • M. Omizzolo, “Sotto padrone”
  • A. Leogrande “Uomini e caporali”
  • Y. Sagnet e L. Palmisano “Ghetto italia”
  • L. Palmisano “Mafia caporale”

Ultimi Articoli
  • 6 Considerazioni per cui le pandemie e l’ambiente sono inseparabili (connessi)
    XR Italia • 17 Sep 2020
  • Cosa mi piace dell'essere viva in questo tempo?
    XR Italia • 10 Sep 2020
  • Nuovo kit grafico italiano per la ribellione!
    XR Italia • 08 Sep 2020
  • Tutti i post...

    categorie
    Formazione
  • Learning Rebellion
    Daniele e Camilla • 13 Jun 2019

  • Ribellione Internazionale
  • Settimana della Ribellione
    XR Italia • 16 Sep 2019
  • Crowdfunding: Sostieni la Ribellione!
    XR Italia • 13 Sep 2019

  • Notizie
  • Nuovo kit grafico italiano per la ribellione!
    XR Italia • 08 Sep 2020
  • Bologna, comincia il 1° settembre lo sciopero della fame di Extinction Rebellion
    XR Bologna • 29 Aug 2020
  • Facebook oscura le pagine di Extinction Rebellion
    XR Italia • 24 Jul 2020
  • Può l’ecocidio diventare un crimine internazionale?
    Ben Cooke • 15 Jul 2020
  • La Standing Rock Sioux Tribe ferma l’oleodotto!
    Manlio Pertout • 12 Jul 2020
  • L’inquinamento atmosferico sta aggravando la pandemia da Covid-19?
    Arianna Casiraghi • 23 Jun 2020
  • Le emissioni sono calate ma è abbastanza?
    Domenico Barbato • 20 Jun 2020
  • Piano integrato o parco disintegrato? Questo è il dilemma
    Simonetta Biagi e Jacopo Simonetta • 04 Jun 2020
  • COVID-19: Misure di stimolo per salvare vite, proteggere i mezzi di sussistenza e salvaguardare la natura per ridurre il rischio di future pandemie
    Degli Esperti IPBES Professors Josef Settele, Sandra Díaz and Eduardo Brondizio and Dr. Peter Daszak • 09 May 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Extinction Rebellion plaude alla capacità della comunità internazionale di agire con urgenza
    XR Italia • 16 Mar 2020
  • Perché non trattiamo la crisi climatica con la stessa urgenza del Coronavirus ?
    Owen Jones, The Guardian • 09 Mar 2020
  • Le donne nel mondo denunciano l'impatto sproporzionato del cambiamento climatico sulle donne
    XR Italia • 07 Mar 2020
  • Se lo stato non ci protegge, facciamo causa allo stato!
    di Carolina Pozzo • 05 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • E se questo fosse il punto di svolta?
    XR Italia • 28 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Non c’è Carnevale in fondo al mare
    XR Italia • 19 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Come boicottare il settore tessile in poche semplici mosse
    XR Italia • 15 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Workshop di design collaborativo
    XR Italia • 07 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • Lettere d'amore a madre Terra
    XR Families Italia • 30 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • L'Australia registra il giorno più caldo di sempre - un giorno dopo il record precedente
    XR Italia • 21 Dec 2019
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Con l’aumento delle temperature, lo strato di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico sta scendendo a livelli 'allarmanti'
    Ian Sample, editore scientifico del The Guardian, trad. XR Italia • 17 Dec 2019
  • Restare uniti e rilanciare la ribellione: alla fine di COP25 parte la consultazione sulle Richieste globali di XR
    XR Italia • 14 Dec 2019
  • Guterres: gli impegni di Parigi non bastano, vanno aumentati di 5 volte
    XR Italia • 12 Dec 2019
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • I colloqui della COP25 sul clima non riescono a far fronte all'urgenza della crisi
    Fiona Harvey - Madrid, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Un appello dai genitori alla COP25
    XR Families Italia • 09 Dec 2019
  • Con FFF e Earth Strike per dire no alla Fast Fashion
    XR Lucca Pisa Livorno • 08 Dec 2019
  • Storica marcia per il clima: mezzo milione di persone in strada a Madrid
    XR Italia • 07 Dec 2019
  • Ultimatum per l'umanità: il tempo è quasi scaduto
    XR Italia • 06 Dec 2019
  • #UltimatumCOP25: Extinction Rebellion c’è
    XR Italia • 01 Dec 2019
  • La fame di essere ascoltati
    XR Milano • 30 Nov 2019
  • Cavalcata Ribelle 9 Novembre 2019
    Leonardo (XR Milano) • 10 Nov 2019
  • Corridoio umano contro la deforestazione
    XR Piemonte • 29 Oct 2019
  • XR Italia a fianco di chi evidenzia le responsabilità dell’industria della moda
    XR Italia • 28 Oct 2019
  • Più di cento personaggi del mondo dello spettacolo firmano una lettera aperta ai media per spalleggiare Extinction Rebellion
    XR Italia • 20 Oct 2019

  • XR Magazine
  • 6 Considerazioni per cui le pandemie e l’ambiente sono inseparabili (connessi)
    XR Italia • 17 Sep 2020
  • Cosa mi piace dell'essere viva in questo tempo?
    XR Italia • 10 Sep 2020
  • Alcune riflessioni sulle oppressioni e disuguaglianze legate alla filiera agro-alimentare
    Beatrice Lio • 05 Sep 2020
  • Considerazioni critiche sulla consultazione online sulle norme di rimodulazione dei Sussidi Ambientali Dannosi
    XR Italia • 30 Aug 2020
  • In lode a Extinction Rebellion
    Di Fiorella Carollo • 05 Aug 2020
  • Interviste Ribelli; Luca Mercalli
    XR Italia • 01 Aug 2020
  • Breve storia triste delle Convenzioni Climatiche tra fuffa, disperazione e rabbia.
    Di Jacopo Simonetta • 28 Jul 2020
  • Perché l’ecocidio non interessa a nessuno in Italia?
    Fiorella Carollo • 22 Jul 2020
  • Dubbi, incertezze e miti, i libri per farsi spazio tra la “nube” che offusca il dibattito sul clima
    Domenico e Michela • 18 Jul 2020
  • Può l’ecocidio diventare un crimine internazionale?
    Ben Cooke • 15 Jul 2020
  • La Standing Rock Sioux Tribe ferma l’oleodotto!
    Manlio Pertout • 12 Jul 2020
  • #NoGoingBack: non si torna indietro. I legami tra globalizzazione e Covid-19
    Noè Fioretti • 01 Jul 2020
  • A SUD: un appello disperato per le popolazioni indigene
    XR Italia • 27 Jun 2020
  • L’inquinamento atmosferico sta aggravando la pandemia da Covid-19?
    Arianna Casiraghi • 23 Jun 2020
  • Le emissioni sono calate ma è abbastanza?
    Domenico Barbato • 20 Jun 2020
  • Sono un'esperta di clima e sono di colore. Il razzismo svia i nostri sforzi di salvare il pianeta
    XR Italia • 12 Jun 2020
  • Altrimenti siamo fottuti!
    di Olivier Turquet • 10 Jun 2020
  • Una guida di Extinction Rebellion all'impossibile
    Story Circle, XR UK, traduzione XR Italia • 05 Jun 2020
  • Il mondo possibile
    Akshay Ahuja, The Dark Mountain Project • 03 Jun 2020
  • Perché continuiamo a considerare il legname energia rinnovabile?
    Jacopo Simonetta, ecologo • 30 May 2020
  • Libri per amare il Pianeta e ribellarsi in suo nome
    Redazione magazine • 27 May 2020
  • Phap man - Un invito all'azione compassionevole
    XR Italia • 23 May 2020
  • È tempo di sfoderare le nostre ambizioni
    XR Italia • 20 May 2020
  • I pasti dei ricchi che continuano ad includere animali selvatici nei menù
    XR Italia • 16 May 2020
  • Una nuova speranza: intervista a Jacopo Simonetta
    XR Italia, Jacopo Simonetta • 13 May 2020
  • La sesta ondata di estinzioni di massa: perché dovrebbe importarcene qualcosa?
    Gianluca Serra • 06 May 2020
  • DEMOCRAZIA E STATO DI ECCEZIONE: CHI DECIDE NELL’EMERGENZA?
    di pav locc • 02 May 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I Romanzi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 30 Apr 2020
  • Abbiamo visto che cosa è possibile fare e non possiamo tornare alla normalità
    Di Clare Farrell, co-fondatrice di Extinction Rebellion. • 25 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I saggi per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 23 Apr 2020
  • La "regola del 3,5%": come una piccola minoranza può cambiare il mondo
    XR Italia • 18 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I film per imparare dalla catastrofe
    di Filippo Fassina e Sara Varcasia • 15 Apr 2020
  • 2019: l’anno ribelle
    Fiorella Carollo • 11 Apr 2020
  • La crisi climatica ed ecologica non va in quarantena. I documentari per imparare dalla catastrofe
    di Sara Varcasia e Filippo Fassina • 08 Apr 2020
  • Nella lotta nonviolenta e nella disobbedienza civile vince l’ostinazione
    Fiorella Carollo • 04 Apr 2020
  • Se non ora quando? Che fine farà il “business as usual”?
    XR Italia • 01 Apr 2020
  • Picco per Capre
    di Luca Pardi e Jacopo Simonetta • 28 Mar 2020
  • Cosa abbiamo capito sul Covid-19
    Jacopo Simonetta • 21 Mar 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020
  • Non c'è alternativa a Facebook? Vi presentiamo i social ribelli
    XR Italia • 12 Mar 2020
  • E se smettessimo di fingere?
    Jonathan Franzen • 11 Mar 2020
  • Guarire la Terra guarendo noi stessi
    di Kaira Jewel Lingo • 04 Mar 2020
  • Di fronte all’inazione c’è solo la ribellione nonviolenta
    XR Italia • 29 Feb 2020
  • La piaga delle locuste è calata sull'Africa orientale. Il cambiamento climatico pare essere la causa.
    Madeleine Stone, trad. XR Italia • 26 Feb 2020
  • Una nuova, urgente "tabella di marcia per il recupero" potrebbe invertire l'apocalisse degli insetti
    Patrick Greenfield, tradotto da XR Italia • 10 Feb 2020
  • Non è una crisi (soltanto) climatica
    Marco Salvatori • 05 Feb 2020
  • REWILDING: una soluzione basata sulla natura
    A cura del Gruppo Nazionale Scientifico di XR Italia • 01 Feb 2020
  • “È una crisi, non un cambiamento”: le parole e le immagini per Dire la Verità
    XR Italia • 28 Jan 2020
  • Nel 2030 abbiamo posto fine all'emergenza climatica! Ecco come
    E. Holthaus, tradotto da XR Italia • 24 Jan 2020
  • I limiti alla crescita
    XR Italia • 21 Jan 2020
  • L'allevamento industriale è uno dei peggiori crimini della storia
    XR Italia • 18 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • La maledizione del marmo apuano
    Jacopo Simonetta • 09 Jan 2020
  • Il 2020 può essere l’anno in cui ricarichiamo noi stessi (e la natura)
    XR Italia • 09 Jan 2020
  • L’ambiente nel 2050: città allagate, migrazione forzata - e l’Amazzonia che si trasforma in savana
    di Jonathan Watts, editore scientifico del The Guardian • 04 Jan 2020
  • Carola Rackete, Il mondo che vogliamo. Appello all’ultima generazione, Milano, 2019, Garzanti.
    XR Italia • 03 Jan 2020
  • Riscaldamento globale più diseguaglianza sociale = ricetta per il caos - basti guardare al Cile
    Maisa Rojas, coordinatrice scientifica della COP25, trad. XR Italia • 10 Dec 2019
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019
  • “Dichiarazione di emergenza climatica”: l’importanza di salvaguardare la biosfera e i servizi ecosistemici
    Jacopo Simonetta • 03 Dec 2019

  • Azioni
  • XR chiama i media: abbiamo bisogno di voi! Diteci la verità
    XR Torino • 18 Sep 2020
  • Big Tech Loves Big Oil
    XR Italia • 08 Jul 2020
  • Un tappeto di scarpe da bambino a Palermo: Extinction Rebellion rivendica un pianeta sano per le nuove generazioni
    XR Italia • 04 Jul 2020
  • INTESA È NUDA: ATTIVISTI DI EXTINCTION REBELLION NUDI SOTTO IL GRATTACIELO SANPAOLO
    XR Italia • 29 Jun 2020
  • Extinction Rebellion: corpi morti per ecocidio agli Stati Generali dell’economia. Il collasso è imminente, l’inazione è perpetua. Si uccidono gli ecosistemi, muore l’umanità
    XR Italia • 20 Jun 2020
  • Attivisti di Extinction Rebellion sul parapetto di Ponte Sant’Angelo a Roma
    XR Italia • 06 Jun 2020
  • Piano integrato o parco disintegrato? Questo è il dilemma
    Simonetta Biagi e Jacopo Simonetta • 04 Jun 2020
  • Extinction Rebellion Torino di nuovo in azione per le strade della città
    XR Italia • 01 Jun 2020
  • Extinction Rebellion e FFF: "Discobedience al balcone!"
    XR Italia • 20 Mar 2020
  • Io, anima estinta, vi racconto la mia apparizione terrena a Milano durante la Settimana della moda
    XR Italia • 25 Feb 2020
  • Extinction Rebellion Italia blocca il ponte dell’Accademia
    XR Italia • 23 Feb 2020
  • Discobedience lagunare
    XR Italia • 22 Feb 2020
  • Un'onda “diSCObbediente" vi seppellirà
    XR Italia • 21 Feb 2020
  • Dichiarazione di ribellione:
    XR Italia • 20 Feb 2020
  • È Ora di Concentrarsi: Meditazione Ribelle
    XR Piemonte • 20 Feb 2020
  • Partecipate alla sfilata delle Anime Estinte:
    XR Italia • 18 Feb 2020
  • Extinction Rebellion in azione a piazzale Flaminio nel giorno di San Valentino
    XR Italia • 14 Feb 2020
  • Cambiamo disco!
    XR Italia • 08 Feb 2020
  • L'Australia è in fiamme! Sit-in di Extinction Rebellion in piazza della Repubblica a Firenze
    XR Italia • 17 Jan 2020
  • Una trappola di fuoco davanti all’ambasciata australiana di Roma
    XR Italia • 15 Jan 2020
  • Bloody Fashion: cosa c'è dietro la capitale della Moda?
    XR Milano • 13 Jan 2020
  • Stop alla distruzione degli ecosistemi: salviamo le Alpi Apuane
    XR Toscana • 12 Jan 2020
  • “Regali liberati” nel centro di Trento
    XR Italia • 20 Dec 2019
  • Ultimatum alla Regione Piemonte
    XR Piemonte • 18 Dec 2019
  • Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR
    XR Italia • 15 Dec 2019
  • Due sub in pieno centro a Genova
    XR Genova • 11 Dec 2019
  • Sciopero Globale del 29 Novembre: arte e cortei a Torino
    XR Piemonte • 05 Dec 2019

  • Dicono di noi
  • In lode a Extinction Rebellion
    Di Fiorella Carollo • 05 Aug 2020
  • Extinction Rebellion sta creando una nuova narrativa della crisi climatica ed ecologica
    Charlotte Du Cann, New York Times, trad. XR Italia • 09 Dec 2019

  • XR Families
  • “Ho compiuto 17 anni in cella” incontro con l’autrice dell’ultimo libro di Extinction Rebellion
    Marthe de Ferrer • 16 Aug 2020
  • Le Assemblee dei Cittadini: come trovare insieme soluzioni per il Pianeta
    di Alastair Macdonald. • 26 Jul 2020
  • Dobbiamo insegnare anche ai bambini più piccoli ad essere attivisti
    XR Italia • 21 Jun 2020
  • La ribellione di far scuola in natura
    a cura di XR Famiglie • 14 Jun 2020
  • Smettiamola di accusarci l'un l'altro per la crisi climatica
    Oliver Taherzadeh e Benedict Probst • 07 Jun 2020
  • Come superare l'ecoansia e affrontare la crisi climatica ed ecologica
    Emma Marris, New York Times • 24 May 2020
  • Lasciateli giocare
    Peter Gray • 17 May 2020
  • Una Guida per i Genitori sulla Crisi Climatica ed Ecologica
    XR Italia • 10 May 2020
  • Confrontarsi con l'apprendimento e il gioco a casa dei figli
    XR Italia • 03 May 2020
  • Crescere bambini e bambine forti e resilienti nell'epoca della crisi climatica ed ecologica
    XR Families Italia • 24 Apr 2020
  • Riconoscere l'ansia nei bambini.
    Alexandra Harris, Parenting per Wholeness Parenting Coach • 16 Apr 2020
  • Ho avuto un'infanzia gloriosamente selvaggia.
    di Cressida Cowell, The New York Times • 17 Mar 2020

  • Provvedimenti
  • Come favorire il “Bail out” del Pianeta
    XR Italia • 05 Jul 2020