Sciopero della fame a Montecitorio

Scritto il 07 Oct 2019 da XR Italia - Press

Dieci attivisti di Extinction Rebellion inizieranno martedì 8 ottobre uno sciopero della fame nella piazza di Montecitorio, a Roma, per sottolineare l’urgenza della crisi ecologica e climatica e per chiedere alle istituzioni di affrontarla concretamente. L’iniziativa si inserisce nella Settimana di Ribellione Internazionale, dal 7 al 13 ottobre.

Con questo digiuno collettivo, Extinction Rebellion Italia aderisce al progetto internazionale “Global Climate Hunger Strike” che in tutto il mondo vedrà migliaia di persone rifiutare il cibo in segno di protesta, ma anche per dare una dimostrazione simbolica del reale rischio causato dalla crisi climatica ed ecologica: carestie, insufficienza delle risorse, fame.

Nel corso della settimana, molte altre persone si uniranno allo sciopero della fame organizzato a Montecitorio. Ha annunciato il suo sostegno anche padre Alex Zanotelli​, ​il missionario ispiratore e fondatore di movimenti per la giustizia e per la pace.

Lo sciopero della fame arriva a Roma sull’onda di quello portato avanti a Bologna per sette giorni in pieno agosto da Filippo Guerrini, che ha reso possibile il confronto diretto con le istituzioni locali. Grazie alla sua protesta, il 30 settembre Bologna ha approvato due dichiarazioni di emergenza climatica ed ecologica, di cui una presentata e curata da Extinction Rebellion.

Lo sciopero della fame è un atto estremo, perché estrema è la crisi ecologica e climatica in cui si trova l’intero genere umano ed assolutamente inadeguate sono le risposte adottate fino ad ora.

Extinction Rebellion Italia non intende lasciar sole le dieci persone che faranno lo sciopero della fame. Ogni giorno, a partire da martedì 8 ottobre, numerosi attivisti del movimento saranno a Montecitorio. Extinction Rebellion infatti riconosce nella cooperazione tra gli esseri umani l’unica modalità per percorrere una strada diversa - fatta di solidarietà e ascolto - rispetto ad un sistema tossico che ci vuole soli e divisi. Sono previsti un presidio medico e psicologico, attività, interventi e tanto altro con l’obiettivo di diffondere informazioni sulle reali dimensioni della crisi ecologica e climatica e di approfondire le richieste del movimento. Extinction Rebellion non porta messaggi di sventura e catastrofismo, ma di speranza e volontà di agire nel e per il cambiamento. Inoltre dà il benvenuto in anticipo a cittadini, esponenti istituzionali, giornalisti che vorranno manifestare solidarietà a questa protesta profondamente pacifica e consapevole, difficile ma necessaria.

Il tempo è poco, ma le soluzioni sono tante. Manca la volontà politica.

Le richieste immediate di Extinction Rebellion sono:

  1. Incontro pubblico tra istituzioni ed Extinction Rebellion per aprire un dialogo in piazza, dove gli attivisti rimarranno ad aspettare ad oltranza.
  2. Calendarizzazione di un secondo incontro formale durante il quale Extinction Rebellion potrà spiegare e motivare le richieste nel dettaglio.

Le richieste generali di Extinction Rebellion sono e rimangono:

  1. Verità sulla situazione: il governo deve dichiarare lo stato di Emergenza Climatica ed Ecologica.
  2. Azione immediata: che si fermi la distruzione degli ecosistemi e della biodiversità e si portino allo zero netto le emissioni di gas serra entro il 2025.
  3. Oltre la politica: che il governo costituisca e sia guidato dalle decisioni di un’assemblea di cittadini/e sulle misure da attuare e sulla giustizia climatica ed ecologica.

Ci rifiutiamo di lasciare in eredità alle generazioni future con la nostra inazione un pianeta morente. Agiamo in pace, con un amore profondo per queste terre. Agiamo in nome della vita.

Tutti i comunicati
  • Agire ora - La nostra casa è inondata
  • Extinction Rebellion Milano - Lombardia: Cavalcata Ribelle 9 Novembre 2019
  • Extinction Rebellion: la mobilitazione finisce, ma non la ribellione
  • La politica italiana incontra XR Italia
  • Sciopero della fame a Montecitorio
  • Ribellione Internazionale di XR anche a Roma
  • Questa è un'emergenza (anzi, sono due!)
  • Extinction Rebellion rinnova l’invito a scendere in piazza con Fridays For Future: Unite behind the Science
  • Extinction Rebellion si dichiara gravemente insoddisfatta degli inefficaci e deboli impegni presi dal governo italiano
  • Extinction Rebellion supporta la Climate Action Week di Fridays For Future